4

Testata giornalistica online

Aut. Trib. di Milano n.197 del 25/06/2015

  • #MFHOPE: BRASILE

    Immagini, inclusa quella di copertina, © Ivan ‘Grozny’ Compasso (@IvanGrozny3) | MondoFutbol.com

    Nomio è un ragazzo di Salvador de Bahia.
    Il suo nome e la sua attività vengono portati alla luce in ‘Fora da Copa‘, documentario di Ivan ‘Grozny’ Compasso (prod. Sport Alla Rovescia) che descrive cambiamenti, contraddizioni e difficoltà vissuti in varie zone del Brasile, in occasione della Confederations’ Cup del 2013 e del Mondiale di calcio del 2014.
    Nomio fa suonare i ragazzi di strada di Salvador: attraverso il ritmo e le percussioni li prende letteralmente dalle vie più disagiate della città, portando una minima possibilità a chi non ne ha mai avuto accesso.

    La musica è speranza.


    Lo è, e non potrebbe essere altrimenti, nel paese conosciuto a noi a causa della samba e dello sfavillante carnevale di Rio.
    Ritmi tambureggianti a Copacabana, ballerine con pochi indumenti e adornate con sfarzosi gioielli: quest’affresco del Brasile non corrisponde all’altra faccia del paese, quella che non solo di calcio non vive, ma è persino arrivata a detestare (e contestare) gli eventi sportivi organizzati dallo stato.

    Sprechi di denaro pubblico, cattedrali costruite nel deserto o in Amazzonia, servizi di trasporto necessari e mai ultimati: questo (e altro) è ‘Fora da Copa‘, un racconto del Brasile che non conosciamo e che siamo portati a ignorare nel nome dello spettacolo patinato e colorato che ci ha donato il Mondiale del 2014.

    In vista delle Olimpiadi ormai alle porte a Rio, il viaggio di #MFHope lascia il Messico per il Brasile, terra cara a MondoFutbol, esplorata già tramite le foto (e le parole) cariche di sentimento di Gabriel Uchida, in un’intervista realizzata da Angelo Mora.


    Proprio Uchida ci aveva parlato, senza mezzi termini, dei contrasti che hanno flagellato la terra di Pelé durante le grandi manifestazioni degli ultimi anni.

    I Mondiali sono stati una grande occasione per i politici, gli uomini d’affari, gli imprenditori edili, le agenzie di pubblicità e le prostitute, ma non certo per il popolo.

    Ivan ‘Grozny’ Compasso, ideatore di ‘Fora da Copa’ oltre che giornalista freelance che ha vissuto molte realtà difficili, ha portato a MondoFutbol il suo Brasile, visitato ed esplorato nelle sue complessità.
    Scene – e racconti – davvero imperdibili che nascono dai luoghi in cui il futebol, insieme forse soltanto alla musica, riesce a restituire speranza a chi vive con poco o nulla.


    In fondo, secondo Pelé:

    Il Brasile vive, mangia e respira calcio.

    E le storie che scrive il pallone iniziano quando un bambino calcia quella sfera.

    In Brasile, sicuramente, più che altrove.

    Bruno Bottaro

    Bruno Bottaro

    Bergamasco, una laurea in Scienze della Comunicazione, classe '93. L'anima turca di MondoFutbol.com. Viaggi, musica e fútbol: cittadino del mondo. Ha iniziato fondando il blog Calcioturco.com.

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Simple Share Buttons

    NEWSLETTER

    Video, reportage e documenti inediti da tutto il mondo. Calcio internazionale, società e cultura.

    Perché “chi sa solo di calcio, non sa nulla di calcio” (José Mourinho)