Testata giornalistica online

Aut. Trib. di Milano n.197 del 25/06/2015

  • BIOGRAFIA
  • GALLERIA

ALBAN LAFONT

Di Aniello Luciano - 13 settembre 2016
Tolosa Football Club
Caratteristiche tecniche

Offensive. /
Difensive
. Sorprendente per solidità mentale, Lafont è un portiere essenziale, che trasmette sicurezza ad ogni intervento, scelto con tempi di attivazione fluidi e naturali, sia nel tuffo (da sveltire quello “stretto”), che in uscita, dove è spesso freddo, e nella chiusura dello specchio di porta. È predisposto nel giocare la palla anche con i piedi ma deve accrescere la confidenza con l’arto debole, specie quando è messo sotto pressione.

PERSONALITY

STAMINA

SKILLS

SPEED/REACTION

Carriera

Il Burkina Faso, piccolo stato dell’Africa occidentale, è uno dei luoghi più poveri del mondo ma nel 1999 ha dato i natali ad un ragazzo che è entrato prepotentemente nella storia del calcio francese: Alban Lafont.
Originario di Ouagadougou, Alban è rimasto con il fratellino e i genitori nella capitale burkinabé fino ai 9 anni, per poi trasferirsi, causa divorzio dei suoi, in Francia, terra d’origine del padre, più precisamente a Palavas-les-Flots, dove ha concluso la scuola primaria. Sebbene avesse tirato i suoi primi calci nel Continente Nero, con l’Etoile Filante de Ouagadougou, la sua carriera da calciatore ha inizio solo nel 2008, fra le fila dell’AS Lattes. L’unica cosa che rimane identica al passato è il ruolo prediletto: attaccante. L’amore per i pali e i guanti è tardivo, poco prima del passaggio al Tolosa, avvenuto nel 2014 per volere di Julien Bonhomme, fidato scout del Téfécé che lo ha sottratto alle cure di Yannick Stopyra, uno dei responsabili del centro sportivo di Castelmaurou, gestito dalla Fédération française de football.
Nello stesso anno arriva la prima soddisfazione personale, il premio come miglior numero uno al Torneo d’Artix, longeva manifestazione U15 internazionale che ha visto fiorire talenti come Anelka e Rabiot, vinto ai danni del Real Saragozza. È questo il passo che gli aprirà le porte delle nazionali giovanili francesi (U16, con la quale conquista la finale al Mondial Football Montaigu, e U17) e quelle della prima squadra di Dominic Arribagé, diventando il più giovane portiere titolare della Ligue 1, battendo il precedente record di Michael Landreau. Esordio a sedici anni e dieci mesi, il 28 novembre 2015 sul terreno di casa, lo Stadium Municipal, contro il Nizza di Ben Harfa che per l’occasione resterà all’asciutto (stessa sorte per Corentin Jean, altro Blues da tenere d’occhio, e il Troyes nella giornata successiva). Da lì in poi Lafont non abbandonerà più l’undici titolare, costringendo il collega comoriano Ali Ahamada a cambiare aria nella finestra di mercato invernale. Come ha detto Sylvain Ripoll, l’allenatore del Lorient, la prima squadra a dargli un dispiacere, “il talento non ha età”.
E, con il rinnovo fino al 2020 fresco di firma, anche la società occitana ci crede.

Descrizione

Di buona famiglia e di indole mite, Alban è un ragazzo introverso ma già maturo, concentrato sul lavoro ma anche nello studio, dove, grazie alla frequentazione di una scuola francese in Burkina Faso, non ha patito il cambio di nazione, proseguendo con regolarità e discreto profitto il proprio percorso formativo.

Ruolo

Portiere

Pro e contro

PIÙ  Riflessi, posizionamento, personalità
MENO Forza, velocità nel tuffo levagamba

lafont-2 lafont-3

lafont-1

Send this to a friend