Testata giornalistica online

Aut. Trib. di Milano n.197 del 25/06/2015

  • LA NASCITA DELLO ZENIT DI MANCINI

    In mezzo ai suoi nuovi giocatori è impegnato a insegnare la linea difensiva. Restare alti il più possibile, poi essere pronti a scappare. Urla, gesticola, Roberto Mancini.

    Il tempo è poco: il 15 luglio inizia il campionato russo e il suo Zenit sarà impegnato nell’infinita trasferta a Khabarovsk, praticamente oltre la Cina.

    La società è ancora impegnata a far firmare gli ultimi giocatori (l’argentino Sebastián Driussi è a un passo, così come Rodrigo Caio, vecchi pallini dell’allenatore italiano) ma il “Mancio” ha fretta.
    Ieri ha giocato la sua prima vera amichevole, contro l’Austria Vienna, e il sorriso più largo ce l’ha proposto, noi che lo abbiamo incontrato a fine match, quando ha iniziato a parlare di Leandro Paredes. L’ex giocatore della Roma, davvero un grande colpo di mercato della società russa, ha illuminato il gioco, dalla sua posizione di uomo davanti alla difesa, occupata a inizio secondo tempo.

    E quando la gara ha svoltato davvero, la palla ha viaggiato di più anche per il movimento e la voglia di Giuliano schierato da “falso 9”, autore del gol e dell’assist che hanno inchiodato il risultato sul 2-1 finale. Il presidente della squadra della Gazprom ha voluto venire in un paese della sperduta campagna austriaca, a due ore di macchina da Kitzbuehel: si è infilato la tuta della società e ha osservato il lavoro del tecnico di cui ha già parlato in modo eccellente. Ora c’è da completare la rosa.

    E di fidarsi del Mancio, per tornare a vincere in Russia, almeno per ora.

    Foto ©Carlo Pizzigoni/MondoFutbol.com

    Carlo Pizzigoni

    Carlo Pizzigoni

    Nato a Pero, periferia milanese. Di solito è in giro a vedere cose, specie di calcio. Coppa d’Africa e Mondiali giovanili, visitati in serie e vissuti sul posto, sono le esperienze professionali che più lo hanno soddisfatto, al netto di #SkyBuffaRacconta (prima Storie Mondiali - diventato poi un libro Sperling&Kupfer -, poi Storie di Campioni) e fino al Mondiale 2014 in Brasile. Collabora con Sky, ha scritto per La Gazzetta dello Sport, Guerin Sportivo e per il quotidiano svizzero Giornale del Popolo. Con Guido Montana ha fondato MondoFutbol.com, con l’obiettivo di farne il punto di riferimento italiano per il calcio internazionale.

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Send this to a friend