Previous slide
Next slide

#TreCose: Daniele Adani racconta Silvio Baldini e la sua Carrarese

Mi metteranno delle etichette… Conosco il mondo del calcio.

Ma non è questo il punto, non è questo che interessa a Silvio Baldini. Chi è Silvio? Per chi ha perso qualche puntata e ora trova una serie di formazioni giocare con il 4-2-3-1, ecco questo sviluppo del gioco si deve a lui. Anche se i numeri di telefono non gli interessano, e ne fa certamente più una questione di tempi e principi di gioco.
Se volete referenze su di lui, chiedete in giro, chiedete ad Antonio Di Natale, che mai sarebbe arrivato dove è arrivato (e nelle cineteca del calcio, ce ne sono di suoi gol, eccome) senza Silvio.

Oggi Silvio Baldini, dopo essersi fermato per qualche anno, è tornato ad allenare. A modo suo, ovviamente. Siede sulla panchina della Carrarese, un progetto di calcio puro, prima ancora che una squadra.

Un gruppo di giocatori che ha scelto di riscoprire l’essenza del gioco. E si sono rimessi in discussione, anche calciatori che hanno calcato platee importanti come Ciccio Tavano o Marco Marchionni. Ragazzi che hanno scelto Silvio per “finire bene” una carriera di livello. Alla Carrarese si respira calcio vero, si sono messi da parte privilegi, si è riscoperto il valore del gruppo, ma del gruppo vero.

Qualche mediocre andrà in giro a dire che “è come vivere in caserma”: abbiate pietà di lui, perché non ha capito nulla. In tanti non capiranno, in tanti equivocheranno, tantissimi etichetteranno, come già hanno fatto.

Perché Silvio è andato ad allenare a Carrara senza volere una lira, gratis.

Senza vincoli economici, pieno di vera passione e amore per un gioco, che potrebbe spiegare anche a tanti tecnici di alto livello. Anzi, sono proprio quei tecnici di alto livello che alzano il telefono per chiamarlo o lo vanno a trovare a casa sua, ma questo si preferisce ometterlo, lasciarlo da parte. Perché Silvio Baldini è un uomo libero, e nessuno, specie nel mondo del calcio, perdona nulla agli uomini liberi: fanno paura.
Noi tutti appassionati veri di calcio, noi di MondoFutbol insomma, non possiamo non amare questo progetto che richiama l’essenza del calcio. Ce lo siamo fatti raccontare da Lele Adani, vice di Silvio Baldini nell’ultima esperienza del tecnico, a Vicenza, ma soprattutto amico vero, fratello del tecnico toscano. E con questo video, annunciamo le #TreCose da seguire in questa stagione secondo Lele, contenuto imperdibile della nostra prossima newsletter.

 

Foto copertina ©LaPresse
Foto articolo ©sito ufficiale Carrarese